Eurodecalogo Popolari per l’Europa

Popolari, Democratici e Cristiani insieme in Europa: i principali obiettivi

  • 1) Superare il Trattato di Lisbona con un nuovo Trattato, approvato dai popoli dei Paesi membri, per la costituzione degli Stati Uniti Europei (SUE), dotati di istituzioni federali (presidente, governo, parlamento, corte costituzionale, polizia, esercito).
  • 2) Riconoscimento nella Costituzione del Diritto alla vita di ogni essere umano sin dal concepimento e sino al suo termine naturale, della tradizione culturale giudaico–cristiana, che è tra le radici più importanti dell’Europa, così come la tradizione classica greca e latina.
  • 3) Un nuovo modello di sviluppo socio-economico ambientale per l’inversione delle tendenze attuali: per un ambiente, una società e una economia vitalmente operanti.
  • 4) Rimozione di ogni discriminazione economica, politica e sociale nei confronti delle donne, promuovendo il raggiungimento effettivo delle pari opportunità di tutte le persone. Istituzione di un reddito di gravidanza. Contrasto della prostituzione poiché il corpo umano non è un oggetto di mercato, minaccia la moralità e la famiglia, finanzia ogni tipo di criminalità.
  • 5) Massimo sostegno alla famiglia come struttura sociale elementare, ovvero come luogo in cui di regola la persona viene accolta sin dal concepimento e come primo ambito dove la vita biologica e sociale (di relazione) sboccia e si consolida; la famiglia deve poter scegliere responsabilmente il numero dei figli che desidera, trovando anche sul piano fiscale un sostegno per tale scelta.
  • 6) Impegno affinché la scuola sia informata a un reale rispetto della famiglia e della persona, minore e adulta. Vanno, quindi, proposte opportune politiche e riforme normative per una ripresa del fondamentale ruolo educativo della famiglia, garantendole il tempo necessario per una ricca vita comunitaria. Le istituzioni devono rispettare l’orientamento etico e religioso, che le famiglie richiedono per i loro figli. Una formazione autenticamente laica offre lo spazio di espressione per tutte le tradizioni culturali e religiose.
  • 7) Un pieno sviluppo di politiche del lavoro, che assicurino a tutte le famiglie i mezzi di sostentamento. Un modello di sviluppo, che sia in grado di governare la crescente presenza delle tecnologie di automazione nell’industria e nei servizi e garantisca sia il progresso economico che la tutela delle persone, trovando il giusto equilibrio tra produttività e occupazione. I lavoratori devono poter partecipare alla gestione delle imprese. Una particolare tutela deve essere assicurata alle persone che svolgono in famiglia servizi di assistenza domestica.
  • 8) Una ecologia umana e sociale affinché l’attuale benessere non comprometta la vita comunitaria futura e garantisca a tutti l’accesso alle risorse naturali ed energetiche, ai beni essenziali, come per esempio l’acqua, evitando pericolose forme di privatizzazione di un bene essenziale e non commerciabile.
  • 9) Una politica per il bene comune considera positivamente l’integrazione degli immigrati regolari e il confronto tra culture nel rispetto delle reciproche identità.
  • 10) Una politica per il bene comune con efficaci azioni preventive di educazione alla legalità. Quanto alla lotta alla criminalità, essa va condotta col massimo rigore, perché non venga mai meno il necessario riferimento ai principi della giustizia per le vittime e della certezza della pena.

Pin It on Pinterest

Share This