Per un vero Do Ut Des in Europa

“Se sarò eletto mi impegnerò affinché, al rifiuto di rispettare gli impegni sui migranti, vengano tagliati a questi paesi, i fondi europei a loro destinati.”

L’Italia, dopo Germania, Gran Bretagna e Francia, è il quarto contributore netto al bilancio Ue, ovvero versa più di quanto riceve; nel 2017 ad esempio ha ricevuto circa 9,8 miliardi di euro contro 12 versati, e questa cosa va avanti dal 2001.
Anche se è corretto che le maggiori economie sborsino contributi più alti, non è giusto che i beneficiari netti, tra cui il gruppo Visegrád, Polonia, Ungheria, Repubblica ceca e Slovacchia, ricevendo molto di più rispetto a quanto versato (la Polonia ha ricevuto 12 miliardi su 3 versati), non vogliano rispettare gli impegni europei ad esempio in tema di ricollocamenti degli immigrati.
Se sarò eletto mi impegnerò affinché, al rifiuto di rispettare gli impegni sui migranti, vengano tagliati a questi paesi, i fondi europei a loro destinati, introducendo una condizionalità legata al rispetto delle regole e allo stato di diritto.

Contattaci

Pin It on Pinterest

Share This