Basta con le Bufale

“La verosimiglianza ed il controllo delle fonti, nel perseguire più like possibili, oggi è tempo sprecato anche in quei settori, come la sanità dove un’informazione distorta, non arrivando da professionisti ed esperti, ma dagli amici, dai siti, e dai tweet, diventa un pericolo per la collettività.”

Nell’era delle Bufale- i fatti oggettivi sono meno influenti degli appelli a emozioni e credenze personali nel formare l’opinione pubblica.
Con un’informazione facilmente accessibile e diffusa per tutti, e l’assenza di una regolamentazione, chiunque è in grado di pubblicare notizie che, non è importante siano vere o verosimili ma per funzionare ed influenzare il sentimento comune, è sufficiente siano condivise.
La verosimiglianza ed il controllo delle fonti, nel perseguire più like possibili, oggi è tempo sprecato anche in quei settori, come la sanità dove un’informazione distorta, non arrivando da professionisti ed esperti, ma dagli amici, dai siti, e dai tweet, diventa un pericolo per la collettività.
La maggiore libertà, obiettivo della disintermediazione dell’informazione, non ha prodotto che una minore credibilità dei media nel senso più esteso, che straordinariamente non viene sentito come un male dalle generazioni dei social.
Se eletto, mi impegnerò affinché la diffusione dell’informazione continui ad essere liberà nel rispetto di una normativa che rispetti la minoranza delle opinioni, nel rispetto della verità e suffragata da fonti attendibili e non dal sentito dire.

Contattaci

Pin It on Pinterest

Share This